Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Working Holiday Visa in Australia: cosa cambia

Vediamo insieme cosa cambia nel Working Holiday Visa in Australia. Modifiche importantissime

Premessa

Cosa cambia nel Working Holiday Visa in Australia è un argomento che interessa soprattutto i giovani che, con questo visto, hanno la possibilità di svolgere alcuni lavori nella terra dei canguri. In pratica succede, per semplificare, che dal primo dicembre gli stipendi per chi ha il WHV devono obbligatoriamente rispecchiare le paghe medie del rispettivo settore lavorativo. Cosa significa? Che uno stipendio non in linea con la legge potrebbe compromette il rinnovo del visto.

I problemi, attualmente, potrebbero riguardare maggiormente tutti quei ragazzi che, fortuna loro, stanno già lavorando in Australia e si trovano circa a metà del loro percorso.

Altri cambiamenti

Sempre restando nell’ambito del Working Holiday Visa, un altro cambiamento introdotto dal governo australiano riguarda chi è stato in Australia per un periodo totale di 12 mesi di vacanza anche con WHV e visto turistico, non ha più diritto ad altri visti di vacanza. Perché questa modifica? Perché il governo richiede che si dimostri di essere davvero dei turisti. Il fatto nasce dalla natura del WHV che, ricordiamolo, ufficialmente è prima di tutto un visto vacanziero e poi di lavoro. L’ipotesi lavorativa è solo qualcosa che viene concesso per potersi mantenere durante la vacanza.

Multe

Le maglie si stringono anche per chi lucra. Sono previsti infatti due anni di carcere per chi viene trovato a chiedere soldi in cambio di visti. Oltre al carcere sono previste multe salate a l’annullamento dei visti di chi si macchia di questo crimine.

Visti 457

In questo caso chi ha ottenuto questo tipo di visto avrà solo 90 giorni di tempo, dall’arrivo in Australia, per cominciare a lavorare per il datore di lavoro/sponsor. Limitatamente a questo provvedimento ci sono però ancora molti punti oscuri o, quantomeno, di difficile applicazione. Vi sono infatti alcuni lavori che richiedono una sorta di esame pratico a cui devono poi seguire 12 mesi di lavoro per poter avere una specie di licenza. L’esame pratico può essere sostenuto entro 90 giorni dall’arrivo in Australia il che implica che vi sia un gap. di 9 mesi. Per il momento il problema sembra risolvibile grazie ad una licenza provvisoria di cui le autorità dell’immigrazione dovrebbero accontentarsi. Ma qui la situazione resta confusa.

Articolo visualizzato 2.157 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Un Commento

  1. sentivo in tv che vogliono innalzare il limite di età e portarlo a 35 anni.
    questa notizia è fondata???
    in caso di risposta affermativa, quando sarà possibile richiedere il WHV?
    grazie
    alessio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *