Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Svizzera: economia e mercato del lavoro

È innegabile che per lavoratori e imprenditori italiani la Svizzera resti una delle mete più interessanti. E se la vicinanza geografica è tra i più importanti motivi di questo interesse molti altri sono i fattori che fanno di questo paese un teatro appetibile per lavoro e impresa

I punti forti
Al di là dell’aspetto fiscale, sicuramente uno dei più importanti almeno per quanto riguarda la decisione di molte imprese di stabilire il business in Svizzera, molti altri sono i punti forti dell’attrattività di questo paese. Intanto un reddito pro capite tra i più alti d’Europa che si traduce in un alto potere d’acquisto; una stabilità finanziaria che, da sempre, rappresenta uno dei pilastri della sua economia; stabilità politica che rappresenta l’altra faccia della medaglia economica, in quanto un governo stabile significa continuità ed efficienza di norme e leggi. A ciò si aggiunge un oggettiva posizione geografica strategica dal punto di vista commerciale ma anche finanziario.

Settori interessanti per gli investimenti e per l’occupazione
Non vi è dubbio che uno dei comparti più dinamici e significativi per la Svizzera e per gli investimenti anche esteri, sia quello farmaceutico. Non si può dimenticare come attualmente le due industrie più importanti al mondo, la Novartis e la Roche si trovino proprio qui. Ovviamente è necessario citare l’industria degli orologi che, dopo una parziale frenata negli anni ’70, ha ripreso a conquistare quote di mercato soprattutto della fascia alta. Sempre ottimo anche l’andamento del settore edilizio che, in certi cantoni ha assunto attualmente carattere di boom, trascinando con sé un generale migliormaneto del comparto infrastrutturale in generale. Da segnalare il settore metalmeccanico ed elettrico: questi sono infatti, secondo dati aggiornati alla fine del 2013, restano i maggiori datori di lavoro in termini numerici. Ancora poco sviluppato e, proprio per questo ricco di potenzialità, il settore delle energie rinnovabili. Questi settori sono anche quelli in cui maggiori sono le opportunità di lavoro

Situazione economica
Se vogliamo dare un quadro d’insieme, seppure generale, della situazione economica elvetica possiamo sottolineare il fatto che il PIL svizzero abbia continuato a mantenere un andamento positivo anche nel corso degli ultimi due anni, per certi aspetti tra i peggiori per molti altri paesi. Strutturalmente la Svizzera ha avuto modo di crescere anche nel corso del 2013 e, molte previsioni, vedo anche il 2014 come anno in cui il consolidamento dovrebbe attestarsi attorno al +2%. La disoccupazione, in lievissimo aumento nel 2013, resta comunque tra le più basse d’Europa.

A tal proposito vogliamo riportare, esattamente, i dati resi noti dalla Segreteria di Stato dell’Economia: i disoccupati registrati a gennaio 2014 sono risultati 3823 in più rispetto a dicembre. Rispetto al gennaio 2013 il numero di disoccupati è aumentato di poco più di 5000 unità. Resta bassa, pur essendo aumentata a +2,8% la disoccupazione giovanile. Si tratta, come abbiamo detto, dei disoccupati ufficialmente registrati agli uffici di collocamento. Ma, come si può vedere, sono comunque percentuali molto inferiori rispetto a quanto avviene in Italia. Per prendere visone in maniera approfondita dei dati aggiornati al gennaio 2014 raccomandiamo la lettura del rapporto “La situazione sul mercato del lavoro” pubblicato sul sito www.seco.admin.ch.

Sistema fiscale
Certo non si può parlare della competitività della Svizzera senza parlare del suo sistema fiscale. Argomento divenuto quanto mai di attualità nel corso degli ultimi mesi quando si è assistito ad un sempre maggiore interesse di molte imprese che hanno voluto trasferirsi nel Canton Ticino. Si tratta indubbiamente di uno dei sistemi fiscali più bassi in Europa, sia per le persone fisiche sia per le imprese: in linea generale si tratta di un imposizione che, per le aziende, può variare tra il 15 e il 25% e, per le persone, tra il 5 e il 20%. Ciò che permette queste aliquote è anche il fatto che, per alcuni aspetti, i diversi cantoni possono applicare norme proprie, dando vita così ad un vera e propria concorrenza per accaparrarsi investimenti e imprese estere.

Referendum e lavoratori esteri
Ma per quanto riguarda il mercato del lavoro in Svizzera, ora non si potrà prescindere dal risultato del referendum dello scorso nove febbraio. Con questa consultazione popolare, che non ha mancato di suscitare molte polemiche da parte della stessa Europa, non saranno poche le cose che cambieranno in tema di immigrazione e lavoro. In pratica con il nuovo testo costituzionale la Federazione, nel corso del prossimo triennio, dovrà modificare l’intero sistema di immissione degli stranieri. Ciò significa che ad essere rivisto dovrà essere l’intero Accordo di libera circolazione delle persone. Questo è il punto che ha suscitato le preoccupazioni di altri stati europei che si sono dichiarati pronti a rivedere anche tutti gli altri accordi bilaterali con la Svizzera. Per quanto riguarda la Svizzera ciò significa che il Dipartimento federale di giustizia, il Dipartimento federale degli affari esteri e dell’economia dovranno stabilire in sinergia un nuovo schema che regolamenti le quote di ingressi di lavoratori stranieri.

In parole povere possiamo dire che ad essere modificato è stato l’articolo 121 con conseguente reintroduzione di tetti massimi annuali sia a permessi di dimora, ricongiungimenti familiari e diritto d’asilo. Per chi lavora questo, in termini ancora più semplici, si traduce in quella che sarà una prevedibile tendenza a dare precedenza ai lavoratori svizzeri a meno che non vi sia una comprovata mancanza di manodopera locale. Coinvolti sono soprattutto i tanti frontalieri che giornalmente lavorano su suolo elvetico ma, presumibilmente, anche la composizione professionale di chi vorrà lavorare in Svizzera.

Per chi fosse interessato ad avere approfondite informazioni sul mercato del lavoro svizzero, sull’economia elvetica, politica, società e offerte di lavoro consigliamo di consultare il sito www.lavoroinsvizzera.it, un portale tra i più completi anche grazie alla sezione notizie aggiornata settimanalmente.

Articolo visualizzato 1.165 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *