Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Olanda: piccole ricette di benessere

In Olanda alla ricerca del benessere tra sport e tempo libero

Due fattori principali
In Olanda sembra esserci un binomio che costituisce piccole ricette di benessere: il part time e lo sport. A ricordarcelo un articolo dell’Huffington Post che, a sua volta, riporta i risultati pubblicati sul prestigioso settimanale The Economist. Da uno studio fatto a livello europeo pare che un orario di lavoro inferiore alle 36 ore settimanali sia un’opzione che in Olanda è preferita da quasi il 27% degli uomini e da quasi il 77% delle donne. E, quasi una conseguenza di questo maggiore tempo libero pare che una altissima percentuale di olandesi, per aumentare la generale condizione di benessere, pratichi molto sport. Qui le statistiche indicano una percentuale del 53% di olandesi che, più volte alla settimana, dedica del tempo ad allenarsi e a svolgere attività fisica.

La prima percentuale, quella che indica il numero di persone che sceglie, o comunque ha un contratto part time, è decisamente impressionante se confrontata con il resto della media europea in cui questa formula è adottata da poco meno del 9% degli uomini e da poco più del 32% delle donne.

Certo ad una situazione di questo tipo non si arriva per caso e molti sono i fattori socio-economici che hanno, piano piano portato a questo risultato. Non ultimo un mediamente generalizzato tenore di vita che, per molto tempo, non ha reso “necessario” il lavoro delle donne o comunque il doppio stipendio in famiglia.

Ruolo dello stato
Ma fattori socio-economici positivi non sono destinati a durare se, in qualche modo, non vengono aiutati o non ostacolati dallo stato. E, in questo, lo stato olandese ha fatto decisamente la sua parte. A partire da quando, nel 2000, l’Olanda ha iniziato a molti livelli una politica che ha aiutato i congedi parentali per uomini e donne, rendendo di fatto il part time una soluzione sostenibile economicamente dalle famiglie. Anche per questo il part time ha avuto modo per divenire una opzione più praticata in Olanda che altrove.
Certo non tutto arriva gratuitamente. Nel senso che la dinamica lavorativa mette sul piatto della bilancia alcune rinunce; infatti il ricorso “massiccio” al part time impatta su quelle che sono le dimaniche di avanzamento e promozioni di carriera. La cosa, ovviamente, riguarda principalmente le donne che in piccola misura rivestono ruoli apicali proprio per il minor tempo dedicato al lavoro. Ma, a quanto pare, il benessere ne beneficia.
E ne beneficia la salute e il generale senso di serenità che, sempre al netto delle generalizzazioni, contraddistingue la società olandese. In questo molto peso ha l’attività fisica che gli olandesi, liberi da ritmi lavorativi pressanti, ha modo di praticare. Come dicevamo è del 53% la percentuale di olandesi che, almeno 4 volte a settimana, riesce ad allenarsi o ad andare in palestra.
Certo l’Olanda è un’eccezione e non si può non considerare l’importanza che lo stato sociale ha nella tenuta di un sistema del genere. Ma, detto questo, è un’indicazione di come non necessariamente il benessere sia misurato e misurabile in termini di lavoro e stipendio.

Per avere ulteriori informazioni sull’Olanda e sulle opportunità di lavoro nel paese potete consultare il sito www.lavoroinolanda.it

Articolo visualizzato 504 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *