Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Mongolia: la sua economia cresce e l’attività estrattiva è occasione di lavoro

La "faccia" dell'economia della Mongolia sta cambiando rapidamente e, altrettanto rapidamente, sta aumentando il suo sviluppo. A trainare il tutto la sua industria estrattiva: numeri da record e mercato del lavoro che cambia di conseguenza

Questo affascinante e poco conosciuto paese già da due anni sta facendo registrare incredibili risultati economici. Addirittura, nel solo 2011, la sua industria estrattiva ha fatto da locomotiva per la sua crescita che è volata a un incredibile +17%. Carbone, oro e rame sono le materie prime che stanno facendo cambiare faccia all’economia di questo paese, anche grazie ad un “cliente” importante come la Cina.

E proprio nel 2011 la testata on line Il Post riportava le parole di Haydyn Lynch, proprietario della Xanadu Mines, una delle più importanti aziende estrattive australiane, che parlando di queste ricchezze le definiva una vera e propria corsa all’oro.

Certo tutto ciò non può non avere ripercussioni ambientali, soprattutto per l’acqua: le risorse idriche sono usate moltissimo per il funzionamento delle miniere con pesanti ricadute per le popolazioni locali. Ma l’economia cresce. E con essa la presenza di aziende straniere. E siccome l’economia non funziona a compartimenti stagni la crescita del settore minerario ha già iniziato a trainare anche quello dei servizi, del commercio e dei trasporti. Il governo ha cominciato da qualche anno a cercare di incentivare gli investimenti esteri rendendo più competitivo possibile intraprendere qui.

ulan bator mongolia

Uno dei provvedimenti presi in questo senso è la Legge sugli Investimenti Esteri che ha stabilito che gli investitori stranieri possono investire in ogni settore tranne quello bancario, dei servizi finanziari e pochi altri, possono registrare nuove imprese, affittare terreni e, cosa ancora più importante, riportare a casa i guadagni degli investimenti stessi. E tutto ciò sta, ovviamente, cambiando anche le caratteristiche del mercato del lavoro. Il famoso rapporto fatto dalla Banca Mondiale e chiamato Doing Business indicava la Mongolia al 28° posto per la facilità di intraprendere e fare business. E molte compagnie estere lo stanno facendo. Basti pensare che tra il 1990 e il 2010 in Mongolia sono state ufficialmente registrate 10709 compagnie estere provenienti da oltre 100 paesi. A tal proposito consigliamo di leggere un interessante articolo dal titolo “Mongolia: commercio ed investimenti esteri” pubblicato dalla testata on line Equilibri.

E, almeno per ora, le maggiori opportunità lavorative arrivano proprio dalle aziende che operano nel settore minerario. Per cercare un lavoro in questo importante comparto economico una fonte utile può essere il Mongolia Talent Network, una sorta di rete di professionisti e di servizi per dipendenti o imprenditori. Attraverso il loro sito si entra nel tetwork e si hanno informazioni e consulenza sull’argomento “lavoro in Mongolia”. Un altro strumento utile potrebbe essere il portale Work in Mongolia. Job and employers’ search on 24-job.com

Per chi avesse una notevole esperienza lavorativa e professionale del settore, segnaliamo due delle maggiori compagnie straniere e multinazionali, operanti in Mongolia a cui, perché no, provare a sottoporre la propria candidatura. Cominciamo dalla Prophecy Coal, grande azienda canadese con sede anche in Mongolia e contattabile alla mail info@prophecycoal.com

Un’altra potrebbe essere la Mongolian Mining Corporation con sede a Ulaanbaatar e contattabile alla mail contact@mmc.mn

Articolo visualizzato 996 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *