Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Mercato del lavoro austriaco

Austria: flessibilità, tassazione competitiva, sistemi scolastici che lavorano in sinergia con il mondo del lavoro. Questo, insieme a un welfare di ottimo livello, rendono l'Austria sempre più appetibile per gli imprenditori stranieri e per molti lavoratori italiani

austria viennaChe l’economia austriaca funzioni non è notizia nuova: molti imprenditori italiani se ne sono accorti da tempo e, per questo motivo, già alcuni mesi fa si è iniziato a parlare di una vera e propria fuga in Carinzia di molti industriali del nord est. E gli elementi che rendono competitivo fare impresa nel vicino paese sono più o meno quelli che vanno rintracciati quando si vuole capire perché l’Austria è anche il paese europeo con la più bassa percentuale di disoccupati. Secondo molti analisti sarebbero fondamentalmente tre i pilastri su cui si base questo successo: sistema tassativo molto basso sulle imprese, lavoro flessibile e un livello di formazione altissimo e strettamente legato al mondo dell’industria.

Ed è soprattutto la scuola ad essere considerata il vero fulcro della vivacità del mercato del lavoro austriaco; Una vera e propria sinergia tra industrie ed istituti tecnici che attraggono moltissimi studenti proprio per la facilità di trovare lavoro che garantiscono: e tutto ciò è dovuto proprio alla incredibile collaborazione tra scuole e industrie. Queste ultime sono poi incentivate ad assumere e a fare formazione professionale ai ragazzi, beneficiando anche solo per questo motivo di un bel 20% di riduzione fiscale. A livello universitario vi sono poi industrie come la Philips o la Siemens che lavorano gomito a gomito con alcuni dei migliori atenei austriaci. Tutto ciò si traduce in un fattivo e concreto monitoraggio continuo delle esigenze lavorative e offerte formative.

vienna

E cos’altro fa l’Austria per incrementare economia e investimenti? Una cosa che dovrebbe essere la scoperta dell’acqua calda ma che, in Italia, sembra restare sempre più lettera morta: puntare su ricerca e innovazione attraverso sgravi fiscali notevolissimi per chi investe in questi settori. Cosa porta con sé tutto ciò? Comporta che compagnie del calibro di Siemens o Hewlwtt-Packard, tanto per fare un esempio, ha deciso di fare dell’Austria il fulcro delle proprie attività europee. Sapete quante multinazionali sono presenti in Austria? Stando a quello riportato anche dalla testata online Linkiesta.it sono ben 303 e cioè più di tutte quelle presenti in tutta l’area europea orientale. Anche grazie al fatto che, grazie a tutta una serie di provvedimenti il peso fiscale sulle spalle delle multinazionali si attesta attorno ad un invidiabile 22%

Certo non ci si può nascondere che i dati sulla disoccupazione austriaca rispetto ai nostri devono tenere conto dell’esiguità abitativa dell’Austria rispetto a noi ma vi sono indubbi fattori di successo come politiche di riqualificazione professionale, assegni sociali e, certo, flessibilità ma sempre con tutele garantite. Un welfare fatto di detrazioni fiscali per i cittadini con figli e per imprenditori che fanno asili nido all’interno delle loro aziende o assegni mensili di circa 1000 euro per prole e molto altro.

Pensiamo di farvi cosa gradita indicandovi alcuni dei siti maggiormente utili per cercare lavoro in Austria. Tra i più importanti vi segnaliamo www.austriajobs77.com e www.jobkralle.at

Se state cercando un lavoro nel settore turistico vi segnaliamo il sito www.hogastjob.com. Servizi e turismo sono tra i settori più all’avanguardia in questo piccolo ma dinamico paese europeo.

Articolo visualizzato 203 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *