Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Lavorare in Russia: sarà obbligatorio conoscere la lingua

Nonostante embarghi e sanzioni continuano ad essere molti i professionisti stranieri che guardano alla Russia come interessante mercato del lavoro e di investimento. Ma cambierà qualcosa

Dal 2015
Sembra certo che, dal 2015, Il Servizio Federale Russo per l’Immigrazione renderà obbligatorio frequentare corsi di lingua russa come requisito essenziale per avere un permesso di lavoro. Si tratta di un provvedimento che già nel 2009 era stato discusso ma, allora, respinto da una parte del Parlamento. Il provvedimento è stato annunciato nuovamente e pare abbastanza sicuro entri in vigore il prossimo anno. Nel 2012 il Governo Russo, per i lavoratori che arrivano da paesi senza visto, aveva reso obbligatorio tale requisito; la norma riguardava coloro i quali lavorano nel settore delle infrastrutture comunali, commercio e servizi di utilità quotidiana. Alla conoscenza della lingua si affiancava anche un esame di storia russa.

Lungo iter
Nel 2011 la Duma aveva introdotto alcune modifiche in quella che era definita “Condizione Giuridica dei cittadini stranieri in Russia”; modifiche che prevedevano l’obbligo di una conoscenza della lingua ad un livello che non poteva essere inferiore a quello elementare. Per coloro i quali arrivavano da un paese appartenente all’ex Unione Sovietica bastava un diploma di scuola superiore secondaria rilasciato dal paese di provenienza. Per gli altri lavoratori stranieri avrebbero dovuto passare un ulteriore esame.

Problema dell’immigrazione
La questione dell’immigrazione è qualcosa che, da tempo, fa discutere anche la politica russa. Ed è un argomento tornato prepotentemente alla ribalta lo scorso anno quando, vicino a Mosca vi furono alcuni episodi di intolleranza da parte di cittadini russi nei confronti di alcuni immigrati. Tali episodi hanno provocato un’accelerazione nella discussione su progetti di leggi legati a questo argomento.

Attirare professionisti qualificati
In realtà la generale politica sull’immigrazione vuole creare le condizioni per attirare professionisti qualificati. Dunque se prima la legislazione aveva come focus i lavoratori temporanei ora si concentra su profili più alti. Uno di questi cambiamenti riguarda il sistema a punti per ottenere un permesso di soggiorno. La volontà è quella di mutare anche qualcosa per quanto riguarda lo status di residente temporaneo. I professionisti qualificati otterranno questo status per due anni e quelli altamente qualificati per tre. E per gli studenti stranieri che scelgono le università russe verrà concessa la possibilità di lavorare e ai laureati l’opportunità di restare nel paese per tre anni. Non solo. Se la qualifica di cui sono in possesso è tra quelle considerate richieste avranno la possibilità di ricevere la cittadinanza.

Articolo visualizzato 537 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *