Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Lavorare in Francia: qualche utile notizia e consiglio

Sebbene la situazione economica della Francia stia vivendo qualche difficoltà, il paese resta sicuramente uno dei più appetibili per chi vuole vivere un'esperienza di lavoro all'estero. Vediamo insieme alcuni dati qualche consiglio incentrato su come scrive il cv più adatto per il mercato del lavoro francese

Alcuni dati
Secondo quanto emerge da una serie di studi elaborati da Eures e Pole Emploi francesi vi sono alcune professioni, in particolare, di cui entro il 2015 ci sarà una maggiore richiesta. Tra queste professioni vi sono:
– assistente di scuola materna
– informatici
– dirigenti e impiegati settore amministrativo
– esperti marketing e commerciali
– personale infermieristico e ostetrico
– collaboratori domestici
– operai qualificati

Considerando la diffusione e l’enorme banca dati di cui possono disporre questi due organismi è lecito ritenere che tali dati possano davvero costituire un veritiero orientamento professionale per che volesse lavorare in Francia.

Consigli sul curriculum
Contrariamente a quanto si è portati a pensare ogni paese ha la sua cultura aziendale. Cultura che si riflette anche nelle modalità con cui, di preferenza, è meglio redigere il curriculum vitae. Diciamo che vale, soprattutto, la buona regola di essere nello stesso tempo essenziale pur mettendo in luce i vostri punti di forza. Per questi motivi il consiglio principale, da cui partire, è quello di tenere ben a mente due fattori principali:
– deve presentare voi e il vostro intero percorso lavorativo
– deve essere essenziale ma convincente al punto da non lasciare dubbi sul fatto che un appuntamento bisogna proprio darvelo

Siate assolutamente sinceri; forse non si pensa mai abbastanza che è proprio la sincerità quella che poi, durante il colloquio, consentirà di mettere in luce e valorizzare le proprie competenze e raccontarle dettagliatamente.

Informazioni
Una cosa importantissima, che la dice lunga su come selezionano le persone le aziende francesi, è che nel curriculum non vi è alcun obbligo (e infatti nessuno lo fa) di mettere informazioni riguardanti l’età, la nazionalità o lo stato civile. È una libera scelta farlo se si ritiene che queste informazioni possano aggiungere qualcosa di specifico. Da mettere in luce sono le esperienze professionali che si focalizzino, soprattutto, su competenze e conoscenze specifiche acquisite durante le esperienze lavorative. Queste informazioni sono il vero cuore del vostro cv, molto più di quanto lo siano quelle relative ai vostri titoli di studio. Che devono essere riportati certo, ma senza eccessivi sbrodolamenti. Anche se sembra paradossale, in Francia, nella valutazione del cv, si da molta più importanza alle esperienze extra scolastiche come sport, o attività di volontariato e simili.

Che messaggio volete far passare
Diciamo che, in un certo senso, la struttura del vostro curriculum per lavorare in Francia, dipende molto d quale volete che sia il messaggio che passa; se volete cioè sottolineare la vostra esperienza, le competenze acquisite oppure il modo con cui ritenete di essere cresciuti professionalmente. Da questo può dipendere, per esempio, il fatto che decidiate di scrive un curriculum vitae cronologico, anti-cronologico (cioè con le esperienze lavorative riportate dalla più recente alla più vecchia) oppure tematico. E, ovviamente, dipende anche molto se il cv è in risposta ad un annuncio o se si tratta di una autocandidatura.

Lettera di motivazione
In Francia è importantissima. Molti esperti consigliano di tenere a mente questi tre gradini, su cui costruire la vostra presentazione: voi, io, noi. Cosa significa? Molto semplice. Prima di tutto dimostrate di conoscere l’azienda per la quale vorreste lavorare, e di conoscerla molto bene. Poi parlate di voi e del motivo per cui avete scelto quella azienda. Per poi concludere spiegando per voi e loro siete fatti per lavorare insieme. Mette bene in luce, per esempio, i punti in comune tra le vostre esperienze precedenti e ciò che potrebbe servire alla nuova azienda. E, poi, il motivo per cui ritenete che quella azienda sia il giusto passo successivo per il vostro percorso.

Articolo visualizzato 1.038 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *