Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Lavorare e vivere in Turchia

Quadro generale economico, settori in crescita, opportunità di investimento e siti su cui cercare lavoro

Quadro economico
L’economia della Turchia ha un andamento positivo da circa dieci anni. Anzi, sia nel 2011 sia nel 2012 il paese, in piena crisi internazionale, ha fatto registrare un aumento del PIL. Sebbene sia considerato un paese emergente, anzi forse proprio per questo motivo, molti esperti ritengono che ci siano ancora molti interventi strutturali da fare per stabilizzare l’economia turca. Ma è normale visto il rapido sviluppo di un paese che, fino a pochi anni fa, ancora si dibatteva in un generalizzato stato di relativa arretratezza. In ogni caso l’economia turca ha iniziato a crescere quando il paese ha cominciato ad aprirsi agli investimenti esteri e ha dato il via ad una serie di ammodernamenti infrastrutturali, nell’industria delle telecomunicazioni e ha incrementato notevolmente l’industria turistica. La Turchia, dal punto di vista commerciale, si è aperta a mercati come quello (importantissimo) del Medio Oriente e del Nord Africa, pur lavorando principalmente con l’UE, che resta il suo maggiore partner commerciale. Attualmente la Turchia vede una preponderanza delle importazioni rispetto alle esportazioni; cosa dovuta principalmente al fatto che essa importa praticamente quasi tutte le materie prime di cui necessita. Ma, a fronte di ciò si sta registrando una continua crescita nella domanda interna che dovrebbe contribuire ad aumentare la generale produttività del paese.

Import export
Comunque la Turchia è stata capace di diversificare il suo export, dal punto di vista geografico, proprio per far fronte alla crisi europea. La UE, pur restando un partner fondamentale per il commercio turco, ha visto diminuire, percentualmente, la sua incidenza, passando dal 46% del 2011 al 39% del 2012. Comunque la Germania resta sempre il “cliente” più importante per la Turchia e tra i dieci partner commerciali più significativi l’Europa è pur sempre rappresentata da cinque paesi.

Disoccupazione
La nota congiunturale riportata dall’Agenzia per la promozione all’estero delle imprese riporta questi dati: nel 2010 la disoccupazione era attorno all’11,4%; nel 2011 il 9,8%; nel 2012 una risalita al 10,1% per ridiscendere al 9,3% alla fine di aprile del 2013. Certo non sono cifre bassissime ma neanche drammatiche come quelle di altri paesi. Il tasso di disoccupazione è maggiore nel sud-est della Turchia, zona dallo scarso sviluppo economico.

Incentivi al business
Recentemente la Turchia ha cercato di fare molto per diventare un paese favorevole agli investimenti. Alcuni di questi interventi hanno riguardato anche la parte burocratica che è stata notevolmente semplificata per quanto riguarda la tempistica per costituire una società. Ma oltre a ciò è stato emanato anche un nuovo Codice Commerciale con lo scopo di semplificare la disciplina aziendale e gli stessi investimenti. Sono stati introdotti benefici fiscali e la divisione del paese (proprio dal punto di vista di tali incentivi) in Zone di Sviluppo Tecnologico, Zone Industriali e Zone Franche.

Settori in forte sviluppo anche occupazionale
Il paese sta puntando su alcuni settori in particolare, settori in cui possono crescere le opportunità per lavorare in Turchia e per investire nel paese. Tra i settori a maggiore crescita vi è quello delle costruzioni e delle infrastrutture con importanti opere di costruzione e riammodernamento di porti, aeroporti, strade e ferrovie. Grande sviluppo lo sta facendo registrare il settore della logistica, anche grazie alla posizione della Turchia che è un vero ponte tra Europa, Asia e medio Oriente. Buone opportunità arriveranno sempre più dal settore ICT, particolarmente importante e, per questo, aiutato da investimenti e incentivi che sono entrati a far parte di un vero piano governativo.

Siti per cercare lavoro
La Turchia è un paese che sta facendo registrare numeri molto positivi nel suo sviluppo economico e, quindi, arricchire la propria esperienza pensando di lavorare in questo paese, può essere una bella opportunità. Pensiamo dunque di segnalarvi quelli che ci sono sembrati i migliori siti per cercare lavoro in Turchia:
– turkeyjobssearch.com
– yenibiris
– kariyer
– iskur
– bayt.com nella sezione jobs in Turkey

Articolo visualizzato 772 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *