Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Lavorare e fare impresa in Danimarca

Incentivi, business, crescita occupazionale. Dove e perché? A Copenaghen nei così detti green jobs

Perché lavorare e fare impresa in Danimarca? Sono molti i motivi che possono spingere verso questa decisione: tra i principali il fatto che, per esempio, qui aprire una società è qualcosa che richiede solo un giorno e offre, vista la ridotta dimensione del mercato, la possibilità di commercializzare prodotti e servizi di nicchia. La facilità di fare impresa, enorme vantaggio competitivo, è un fattore che vede la Danimarca al 5° posto nel mondo nella specifica classifica redatta dalla Banca Mondiale, e al 3° posto per quanto riguarda la facilità di fare import-export.

Conoscere il mercato danese e le regole per muoversi al suo interno
Non mancano le fonti che possono aiutare chi sta pensando di lavorare e fare impresa in Danimarca. Vogliamo segnalarne due in particolare: la prima è un’agenzia statale il cui scopo è proprio offrire informazioni e consulenze in tal senso. Si tratta dell’agenzia Invest in Denmark consultabile al sito www.investindk.com. L’altra è la guida Strting your own business consultabile sul sito www.skat.dk. Ricordiamo che in Danimarca, come in altri paesi del nord Europa, è diffusissimo l’uso di internet e dell’e-commerce; sarà quindi bene concentrare molto la propria pubblicità e il proprio marketing proprio sul posizionamento in rete della propria attività.

Incentivi agli investimenti
In Danimarca sono previsti alcuni aiuti statali nelle regioni che il governo ha individuato come “aree di sviluppo” che attualmente sono lo Jutland meridionale e settentrionale, le isole dello Sjaelland e quelle di Bornholm. Questi incentivi sono maggiormente rivolti a chi investe o inizia attività legate alla ricerca, allo sviluppo innovativo di certi prodotti tecnologici e alle attività legate alla così detta green economy. Ad oggi Copenaghen è tra le città più competitive in termini di attrattiva per gli investimenti stranieri. Un sito utilissimo per avere informazioni su cosa fare, a livello burocratico, per aprire una società in Danimarca è quello dell’Agenzia del Ministero dell’Economia e delle Finanze www.dcca.dk. Per sapere invece quali sono le politiche con cui il governo danese incentiva gli investimenti può essere utile consultare il sito www.vf.dk rivolto ad imprese di carattere tecnologico. Per gli investimenti sulla ricerca il sito di riferimento è www.forsk.dk

Settori in crescita
Le maggiori opportunità, dal punto di vista occupazionale, sono legate al settore alimentare e del design a cui, negli ultimi tempi, si sono affiancati quelli dell’ICT, del farmaceutico e delle biotecnologie. Questo è il motivo per cui molte aziende di questi settori, anche grosse multinazionali, si sono stabilite in Danimarca. In questi settori le aziende hanno bisogno soprattutto di professionisti e di personale specializzato. Ma il vero settore trainante della nuova economia danese è tutto ciò che è green. Il settore chiamato cleantech ha fatturato lo scorso anno 40 miliardi di corone e, nella sola capitale, da lavoro ad oltre 120000 persone. Copenaghen è, non a caso, tra le capitali europee con la maggiore concentrazione di starup operanti in questo settore.

Cooperazione tra pubblico e privato
Pare sia questo il vero motore della green economy a Copenaghen dove le università Roskilde, Technical e comune lavorano insieme per fare dell’ecocompatibilità anche un business coinvolgendo imprese nazionali ed estere. Cuore pulsante di questa collaborazione è il CCC, Copenaghen Cleantech Cluster che non solo prevede un aumento dei posti di lavoro in questo ambito, ma incoraggia proprio chi ha un progetto in tal senso.

Articolo visualizzato 2.124 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici