Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Lavorare all’estero in Ikea

Un nome che è sinonimo di arredamento a prezzi contenuti. Sono davvero poche le case, in tutto il mondo quasi, a non avere al loro interno almeno un oggetto realizzato da questa grande azienda

lavoro ikea

Una realtà ormai consolidata quella di Ikea. Un successo commerciale che, grazie anche ai prezzi a portata di tutte le tasche, sembra aver risentito molto meno della crisi economica. Anzi. Un’azienda ormai ramificata in tutto il mondo e che cresce. Sono molte le opportunità di lavoro che l’azienda offre all’estero.

Sul sito dell’Ikea oltre alla sezione in cui è possibile visionare tutte le posizioni aperte, sono consultabili anche alcune testimonianze di collaboratori che raccontano come hanno iniziato in questa azienda e quali sono stati i loro percorsi professionali. Sono testimonianze di professionisti che hanno avuto la possibilità di lavorare all’estero grazie alla diffusione mondiale di questo vero e proprio impero del mobile componibile ma non solo.

Una storia, quella di Ikea, che comincia con quella di Ingvar Kamprad, suo fondatore, nato in un piccolo villaggio della Svezia e che gettò i semi di quella che sarebbe diventata un’impresa diffusa ormai in 40 paesi. Il giovane intraprendente cominciò vendendo fiammiferi: capì presto che, acquistandone enormi quantità poteva poi rivenderli aprezzi molto più bassi. Come ogni buon imprenditore allargò la sua attività anche ad altri articoli.

L’attività cresce e Kamprad ha l’intuizione di capire quale potesse essere l’enorme potenzialità del montaggio fai da te, dell’uso di un catalogo e di un negozio in cui i clienti potessero guardare e toccare con mano i prodotti. Sembra la scoperta dell’acqua calda ma, se pensiamo che siamo a cavallo tra gli anni ’40 e ’50, non è poi così scontato.

Negli anni ’70 Ikea cresce sempre più diventando qualcosa di più di un’impresa ma una vera e propria filosofia di arredamento. Sono gli anni in cui vengono prodotti alcuni oggetti rimasti poi sempre nel catalogo, come la celeberrima libreria Billy. Negli anni ’80 il successo dell’azienda diventa quasi inarrestabile, con il suo sbarco in mercati come quello USA e britannico. Altra grande intuizione commerciale è quella che porta alla nascita di IKEA dei Piccoli: la semplice idea di realizzare arredamenti adatti a famiglie con figli piccoli. Anche quella un’idea semplice che però fa la differenza.

Gli anni 2000 sono quelli della definitiva consacrazione del marchio che arriva anche in Giappone e in Russia, con un’altra idea vincente legata a soluzioni di arredamento per bagni e cucine che hanno il loro punto di forza nel fatto di poter essere montate in maniera coordinata e personalizzata. Sono anche gli anni in cui la qualità dei prodotti IKEA migliora sensibilmente sia nei materiali usati sia nel design, grazie alla collaborazione con importanti architetti. E aumentano anche i servizi ai clienti grazie ad una sapiente capacità di utilizzare gli strumenti del marketing.

Allora date un occhiata al sito dell’azienda per scoprire quali sono le opportunità per lavorare all’estero con IKEA.

Articolo visualizzato 679 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici