Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

In Svezia lavorare meno aumenta la produttività

È quanto emerso da uno studio governativo. In Svezia lavorare meno aumenta la produttività

Il caso preso in esame

In Svezia lavorare meno aumenta la produttività. È quanto emerso da uno studio effettuato dal governo svedese e basato sull’analisi effettuata all’interno di una casa di cura. Qui è emerso come le infermiere che lavorano a orario ridotto hanno messo in campo un lavoro qualitativamente migliore rispetto a quelle con turni più lunghi. Noi di lavorareallestero.it avevamo già parlato di come in Svezia l’introduzione di giornate lavorative di sei ore avesse iniziato a portare positivi impatti sulla qualità del lavoro e della vita.

Ora, questo studio governativo, di cui in Italia ha parlato il quotidiano La Repubblica, sembra ulteriormente confermare questo trend. Il caso in esame è stato riportato come esempio di come lavorare meno aumenti la produttività. Il governo svedese ha effettuato un esperimento all’interno di una casa di riposo. L’esperimento è durato un anno e ha coinvolto 68 infermiere a cui è stato ridotto l’orario di lavoro. Dopo un anno le infermiere coinvolte nell’esperimento non hanno solo riportato di essere meno stressate delle altre colleghe ma, anche, di essersi assentate meno per malattia. Gli ospiti della casa di riposo che sono stati presi in cura da queste infermiere riportavano testimonianza di essere stati meglio accuditi.

Meno ore di lavoro maggiore produttività

Sembra la scoperta dell’acqua  calda ma, ancora una volta, c’è chi ne parla solo e chi applica questa semplice regola. Un argomento di cui si dibatte già da tempo ma che, purtroppo, è ancora al di là dall’essere applicato con metodo. Eppure non è difficile capire perché un orario ridotto con conseguente aumento del tempo libero, porti ad avere meno stress e quindi anche più entusiasmo sul lavoro.

Già qualche anno fa uno studio dell’istituto americano Family and Work aveva dimostrato un semplice, quasi banale assioma: un lavoratore quanto più è stanco tanto più commette errori. Anche nella dinamica Inghilterra questa cosa sta prendendo piede e lo fa soprattutto a livelli manageriali: 6 manager su 10 si dicono certi che per avere un maggiore produttività bisogna accorciare l’orario di lavoro.

Certo, come riporta sempre Repubblica, a frenare ancora l’introduzione di orari più corti ci sono gli innegabili problemi legati ai costi. In Svezia, nella casa di riposo al centro dell’esperimento, ridurre l’orario di lavoro di 68 infermiere ha comportato la necessità di assumerne altre 15. C’è da dire che il 50% dei costi per le nuove assunzioni è stato coperto proprio dall’aumentata produttività dovuta alla riduzione dei giorni di malattia.

Il caso Amazon

A seguire, seppur a livello sperimentale, l’esempio svedese, pare esserci Amazon. Il colosso delle vendite on line, dopo le pesanti denunce legate alle condizioni di lavoro disumane dei propri dipendenti, cambia rotta. Almeno a livello sperimentale, ma è già qualcosa. L’azienda sta sperimentando, seppure per ancora poche decine di lavoratori, una settimana lavorativa di 30 ore. A livello economico lo stipendio prevede di essere ridotto al 75% ma i benefits per i lavoratori coinvolti rimangono gli stessi di quelli riservati ai lavoratori a tempo pieno.

Articolo visualizzato 487 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Un Commento

  1. Cittadino nazionalità tunisia
    Nome chelbi lotfi 20/01/1974
    Residente in Italia con carta soggiorno
    Cerco opportunità di lavoro in zvezia
    Con italiane nel settore
    nel edilizia muratore autista effettuato corso di sicurezza molto serio.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *