Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Germania e Inghilterra: dove il lavoro si trova

L'ultimo trimestre ha fatto registrare un'ulteriore contrazione del mercato del lavoro europeo; però vi sono due paesi (Inghilterra e Germania) che, almeno in alcuni settori, sono decisamente in controtendenza. Vediamo quali sono i settori increscita e dove

La notizia riportata anche da Miojob, si basa su alcuni dati emersi dallo studio di società di ricerca del personale: in Inghilterra le opportunità sono ottime per chi lavora nella finanza e in Germania per chi lavora invece nel settore della ristorazione. Il mercato del lavoro europeo non sta vivendo un complessivo periodo di benessere, però vi sono paesi e tipi di lavoro che in cui le prospettive sono di crescita.

I numeri nel dettaglio? Sempre secondo la testata citata prima gli ultimissimi dati (riferiti a maggio del 2013) indicano una distribuzione nella richiesta di figure professionali nel mercato lavorativo europeo così composte:

– 81000 professionisti nel settore finanziario e delle vendite
– 55000 tra ingegneri e architetti
– 54000 addetti alla ristorazione
– 47000 addetti all’assistenza sanitaria
– 46000 informatici

Dati che parlano sostanzialmente di un mercato europeo abbastanza tradizionale e tradizionalista. Forse si spiega, tra tutti questi numeri, in particolare l’aumento di richieste nel settore della ristorazione rispetto ai mesi precedenti con la stagionalità; ma interessante anche l’incremento nella richiesta di figure legate alla sanità, spiegabile in parte con l’aumento medio dell’età della popolazione.

Per quanto riguarda i professionisti della finanza e delle vendite, il paese con le offerte e opportunità più numerose resta la Gran Bretagna che, solo a maggio, offriva oltre 31000 posti vacanti; a seguire la Germania con circa 25000 posti.

E l’Inghilterra è al primo posto anche per quanto riguarda la ricerca di ingegneri e architetti con posti vacanti che arrivano quasi a 29200 unità, seguita dalla Germania con circa 18000 posti vacanti.

Leggendo tra i numeri questi sono dati che indicano un dinamismo che vive di sinergie tra lavori “manifatturieri” (ingegneri e architetti) e servizi finanziari che forse possono essere a servizio di un’economia reale.

Ottimi i numeri, dicevamo, per quanto riguarda le figure della ristorazione e dell’ospitalità in genere: arriva l’estate e in Germania a maggio le offerte di lavoro superavano le 15000 unità, più o meno come in Spagna: e questo dimostra, ancora una volta, come anche in un paese profondamente in crisi come la Penisola Iberica, il turismo continui a rimanere una preziosa risorsa.

E, ancora una volta è la Gran Bretagna a conquistare il primo posto anche nella ricerca di figure legate al settore informatico: sempre nel mese di maggio le posizioni aperte per questo genere di professioni erano quasi 27300; molto distaccata la Germania con circa 11300 offerte. Insomma, nonostante la crisi Inghilterra e Germania sembrano essere sempre (almeno in Europa) paesi relativamente dinamici almeno per certe figure professionali. E questo spiega, almeno parzialmente, l’interesse costante che molti italiani continuano ad avere per città come Londra o Berlino.

Articolo visualizzato 5.716 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici