Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

È l’Estonia il paese per chi lavora nell’informatica

Avevamo già pubblicato un articolo in cui sottolineavamo come fosse l'est dell'Europa l'area geografica con il più alto profilo in termini di innovazioni tecnologiche. Oggi raccontiamo come, nello specifico, sia l'Estonia il paese con una marcia in più da questo punto di vista

Una serie di esperimenti riusciti
Estonia, un piccolo paese, dal punto di vista dell’estensione, con un numero relativamente basso di abitanti, di cui molti giovani e poca burocrazia. Sono anche questi i punti di forza che ne hanno fatto la nazione più digitale d’Europa e luogo interessante per chi lavora nell’informatica. Tra gli esperimenti, riusciti, con cui l’Estonia si sta dimostrando molto più avanti di altri paesi (tra cui l’Italia) vi è anche quello del cosidetto e-voting. Utilizzato nel 2005 per le elezioni municipali venne allargato poi due anni dopo per quelle politiche. Una prova più complicata e strutturata che ha però funzionato. Al punto che nelle consultazioni del 2011 pare sia stato oltre il 25% la fetta di popolazione che ha usato questo sistema per votare. Tanto che ormai sono molti gli esperti del settori ad averla soprannominata e-country. Con digitalizzazione e uso della rete per moltissime attività dall’istruzione al pagamento delle tasse

Alcuni dati
I numeri parlano chiaro e raccontano di un paese in cui lavorare nell’informatica può rappresentare davvero un’opportunità da non perdere. Secondo dati resi noti dal governo sarebbe oltre il 77% della popolazione ad usare con regolarità la rete. Una connessione che riguarda tutte le scuole del paese, solo per fare un esempio, grazie al progetto Tiigrihupe lanciato già nel 1997. Nel paese sono ben oltre 1000 i luoghi in cui si può accedere a internet gratuitamente. E tutto ciò si traduce in una serie di primati come quello che vede l’Estonia al secondo posto nel mondo per utilizzo dell’home banking. Internet e la tecnologia digitale sono utilizzati praticamente da tutti. Basti pensare che, ogni cittadino estone, quando compie 15 anni, riceve una card con cui ha la possibilità di usufruire dei più disparati servizi, da quelli sanitari a quelli fiscali. Una sola card con microchip per ottenere servizi. E tutto ciò lascia pensare ad una certa dinamicità anche dal punto di vista lavorativo.

Settore in crescita
Il settore ICT è quello a più rapida crescita oltre ad essere quello su cui vengono fatti i maggiori investimenti. In base al rapporto sull’ICT redatto e divulgato dal World Economic Forum l’Estonia si trova, in questo settore, al 24° posto su ben 142 nazioni. Un gran fermento che sta coinvolgendo imprese e persone. Non è un caso che proprio qui sia nata Skype e a Tallin, anche dopo l’acquisto del marchio da parte di Microsoft, resta la sede principale della società. Ma è tutto il settore delle telecomunicazioni in genere ad avere nell’Estonia un luogo particolarmente fertile in cui sembra ci siano più contratti telefonici che cittadini.

E-residency
Sì, ci sarà anche quella. Una sorta di residenza virtuale e digitale che diventerà cosa reale entro la fine di questo 2014. Un progetto ufficializzato all’inizio di ottobre che nelle prime 18 ore sembra aver ricevuto 4000 richieste. Un cittadinanza virtuale che consente di accedere ad alcuni servizi. Come cittadini digitali sarà possibile compiere una serie di operazioni per cui, prima, sarebbe stata necessaria la presenza fisica. Si potrà aprire e gestire un’azienda o relazionarsi con a pubblica amministrazione. Tutto grazie ad una smat card, un lettore usb e un software. Una cosa che è stata pensata e realizzata per diventare una vera e propria piattaforma di servizi digitali e motivo di interesse per attirare investimenti. E già ora, nel suo piccolo territorio, sono circa 200 le start up attive in questo settore. Al punto che il paese è stato ribattezzato e-Stonia.

Articolo visualizzato 756 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *