Ultime Notizie
logo lavorare all'estero

Lavorare all'Estero • Notizie

Notizie, informazioni utili ed offerte di lavoro all'estero

Corruzione e economia

Forse non è una sorpresa sapere che la Nuova Zelanda è il paese meno corrotto al mondo. Ma è certo triste sapere che l'Italia occupa un poco lusinghiero 69° posto

Corruzione e benessere
Quando si parla di corruzione è importante ricordare, o almeno tenere conto, del fatto che non si sta parlando solo di un fenomeno sociale. La corruzione racconta sì del livello di senso civico di un paese ma anche della sua economia. Si può, per certi aspetti, affermare che benessere economico ed onestà non siano poi così lontani l’uno dall’altro. E si può dunque affermare che la corruzione sia l’altra faccia della medaglia di un’economia che stenta. Non sorprenderà dunque che i paesi con il più basso indice di corruzione siano anche quelli messi meglio economicamente.

Transparency International
È questo il nome (eloquente) di una ONG tedesca che, dal 1995, ha dato vita a quello che viene chiamato il Corruption Perception Index, cioè un indice che rileva la percezione che le persone hanno della corruzione nel loro paese. Quando si parla di percezione si pensa a qualche cosa di aleatorio ma, in realtà, non è così. la percezione è qualcosa che, molto spesso, nasce da un’esperienza concreta o comunque da un sentore generale del clima sociale che ci circonda. Ma a parte ciò è bene dire che questi rapporti stilati dalla Transparency International raccolgono ormai il plauso e la considerazione scientifica anche di esperti economisti e, soprattutto, degli investitori. E questo la dice lunga, se ancora ce ne fosse bisogno, di quale sia il legame tra bassa corruzione e voglia di creare impresa. Del resto bisogna dire che questo CPI si basa su ben 17 diversi studi condotti da 13 diverse istituzioni; quindi si tratta di rilevazioni serie e articolate che prendono in considerazione parametri come le tangenti negli appalti pubblici o la effettiva operatività di leggi anti corruzione.

I paesi meno corrotti
Primo paese, in assoluto, è la Nuova Zelanda che, su un punteggio massimo di 10 raggiunge un invidiabile 9,5. E, non a caso, questo punteggio si accompagna ad un’economia effervescente e ricca di potenzialità, ma anche ad una qualità della vita che, per molti aspetti, non ha eguali in tutto il mondo.

Al secondo posto, a pari merito, Finlandia e Danimarca con 9,4 confermando così che i paesi del nord hanno una radicata cultura in termini di onestà e trasparenza.

Ottimo piazzamento anche per l’Australia che, con un punteggio di 8,8 si piazza all’ottavo posto insieme alla Svizzera che in Europa è sempre ai primi posti. Ottimo  l’8,7 del Canada che vanta anche grazie alla sua “pulizia” un’economia che sta facendo registrare numeri davvero interessanti e che si conferma paese in grado di attrarre i migliori professionisti stranieri.

Sempre nord Europa e una sorpesa
Sembra quasi un luogo comune ma l’8,3 dell’Islanda conferma come la parte più settentrionale dell’Europa (forse per i climi rigidi?) sia la meno incline alla corruzione. Infatti, scendendo ma di pochissimo come latitudine e longitudine, Irlanda e Belgio raggiungono un ottimo 7,5. Davanti a questi paesi ancora una nazione nordica, la Norvegia con un bel 9. Ma c’è anche un po’ di sole in questa classifica: infatti, a pari merito con l’Austria, raggiunge un bel 7,8 la meravigliosa Barbados, nei Caraibi.

L’Italia, come dicevamo, è al 69° posto preceduta anche da Montenegro, Croazia e Slovacchia. Peggio di noi Thailandia, Marocco, Colombia e El Salvador.

Articolo visualizzato 172 volte
Condividi questa notizia con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *